Art. 30 Regolamento metodologico: SENTIERO

[...]

L’E/G cammina lungo il proprio Sentiero, avendo come riferimento la Legge, la Promessa, il Motto e la proposta delle singole Tappe, attraverso il processo pedagogico esperienziale che vive in tutta la proposta del Reparto e che si può sintetizzare nel meccanismo: "PRENDO UN IMPEGNO DI FRONTE ALLA/PER LA COMUNITÀ => LO REALIZZO CON/IN UNA COMUNITÀ ’ => LO VERIFICO CON LA COMUNITÀ". Tutto ciò si concretizza in:

  • due passaggi, denominati rispettivamente impegni e mete. 
  • una scansione temporale in tre "tappe" 
  • i momenti di verifica.

Art. 33 Regolamento metodologico: TAPPE

Il sentiero di ogni esploratore e guida è scandito in reparto da tre tappe:

  • scoperta 
  • competenza 
  • responsabilità.

Ognuna di esse, ispirandosi a momenti successivi di maturazione della personalità dei ragazzi e delle ragazze, ne sottolinea un aspetto predominante che non esclude tuttavia gli altri, ugualmente presenti all’interno del percorso di ogni tappa. Anche il cammino di crescita nella fede è vissuto, nelle tre Tappe, con la dinamica unitaria di "scoper-ta, competenza, responsabilità" in quanto momenti ricorrenti che caratterizzano la progressione personale unitaria dell'AGESCI.
La progressione del Sentiero di ogni E/G attraverso le tre tappe non ha corrispondenza automatica con gli anni di permanenza in Reparto; dipende invece dai tempi di crescita di ogni persona. Per far meglio comprendere agli E/G il senso delle tappe, e nello stesso tempo non precludere ai singoli la scoperta di più ricchi significati, ogni tappa è designata da un simbolo e visualizzata da un distintivo da apporre sull’uniforme, che ne sintetizza figurativamente lo spirito e i contenuti. Il distintivo viene consegnato all’inizio del cammino lungo quella tappa.

[...]


  Distintivo Tappa della scoperta

  Distintivo Tappa della competenza

   Distintivo Tappa della responsabilità